martedì 21 marzo 2017

chiacchiere scrap | cosa significa lo scrapbooking per me

Quando sono passata su questo blog, ricominciando in pratica da zero rispetto al precedente, mi è sembrato quasi di trovarmi in un posto non mio. Ho ripreso avendo un atteggiamento abbastanza distaccato e ci è voluto un po' di tempo prima che riprendessi a scrivere come ero abituata. Rimane però ancora un ambiente un po' freddino per me...
Ho deciso perciò di tornare a scrivere non solo mostrando ciò che creo ma parlando di scrap come facevo un tempo e anche un po' di me, vorrei mettermi in testa che non c'è nulla di male. Scrivo per me e per quelle persone che amano leggere le mie riflessioni, che a volte sembrano assurde pure a me, ma mi si dice che ho la mente contorta e questa mi devo tenere. :p

scrapbook mini album f by kushi | www.kkushi.com

Da Google Analytics vedo che ci son persone che passano su un mio articolo anche solo 10 secondi, credo il tempo necessario per guardare le immagini o almeno la prima. Il mio blog è anche per loro sia chiaro, spero che anche solo la foto della mia pagina o di un mini album comunichi qualcosa, senza bisogno di aggiungere altro.

In quelle poche parole sotto la mia foto nella colonna a lato spiego l'intento del blog: mostrare quel che creo e parlare di scrap. Il bello è che rimanda al link della mia pagina "about" ancora vuota. E' vuota perché ancora devo arrivare a quei contenuti. Mi sono presa tutto il tempo necessario per rimettere in sesto questo mio posticino e ancora non sono arrivata ad avere tutto pronto.
Ho stilato una lista dei post che mi piacerebbe scrivere e guardandola ho deciso di darle un minimo di senso e filo conduttore. Vorrei riproporre il manifesto scrap, a distanza di anni. Mi diverto da matti a leggere la prima versione e pensare alle differenze, a come sono adesso, come amo scrappare ora. Alcuni elementi non sono cambiati, altri molto. Però prima di scriverlo, volevo un post introduttivo sul perché faccio scrapbooking. Mentre il vecchio blog ha visto proprio la mia evoluzione nel diventare una scrapper, i post in cui scoprivo pian piano cosa amavo fare e capivo quale fosse la mia strada, qui voglio fare una riflessione confrontando il passato ed il presente. Questo magari mi aiuterà a tirar fuori un testo per la mia pagina "about". Quindi oggi mi chiedo prima di tutto cosa è lo scrap per me e cosa fa per me, in cosa mi è utile. Poi passerò al "manifesto".

Breve introduzione su come ho conosciuto lo scrapbooking... Nel 2006 mia zia tra varie riviste di decoupage, sbaglia e ne compra anche una di scrapbooking. Ovviamente questa attira subito la mia attenzione e sboccia l'amore eheheh Dopo aver cercato tutte le informazioni possibili sul web, faccio il mio primo ordine on-line da un sito francese che stampa anche foto. Mi ritrovo così verso la fine di agosto con un centinaio di foto stampate 11x15 cm ed un primissimo kit di scrapbooking con carte, abbellimenti, timbrini in gomma e realizzo il mio primo layout 30x30 cm. Ho iniziato così, senza dubbi sul formato. Non ho proprio preso in considerazione altre opzioni e questa scelta istintiva si è confermata fino ad oggi, più di dieci anni dopo. Con il tempo ho saputo apprezzare anche i mini album, le card un pochino meno... ma le ho almeno in simpatia dai!
L'introduzione doveva esser breve perciò mi fermo qui, ma in pratica è iniziato tutto come semplice hobby. Ma chi è scrapper sa che difficilmente rimane un "semplice hobby". Una cosa che si dice sempre è che esser scrapper è uno stile di vita ed è vero. Più in generale esser crafter è un mondo un po' a sé. Ci sono poi così tante possibilità... Ad esempio c'è chi non si trova con il raccontarsi che è intrinseco nello scrap, ma preferisce abbandonare foto e journaling per trovare un posto più adatto nello stamping, nel mixed media e via così. C'è anche chi si trova benissimo in tutte queste dimensioni contemporaneamente! Tanta ammirazione per chi lo fa! Io, per quanto assolutamente voglia avere una base di colorazione perché la trovo interessantissima e di mixed media lo stesso (al momento purtroppo non ne so quasi niente...), ho trovato la mia motivazione più profonda soltanto nel raccontarmi con le parole scritte. Da qui capisco che ciò che mi spinge a scrappare è proprio il racconto di me. Se non ho un journaling di base o una storia nella mia testa, non vado da nessuna parte. Nella vita ho sempre usato scrivere (milioni di diari segreti ehehe), per capire. Lo scrap è stata un'evoluzione un po' particolare in cui mi sono trovata perfettamente. Non riesco invece più a scrivere soltanto, senza scrappare. Sono due cose che non sono capace di dividere ormai.

Ma è un approccio purtroppo rischioso. Il mio più grande rimpianto in questi ultimi anni è stato il non aver saputo modellare questo approccio in un momento difficile.
Quando qualche anno fa mi sono chiusa in me stessa, perché stavo facendo qualcosa che non volevo fare, non ho saputo comunque parlare a me stessa o focalizzarmi sulle cose positive che avevo, attraverso le mie pagine. In parte ho volutamente abbandonato proprio lo scrap ed il mondo che lo circonda perché mi faceva male anche il semplice realizzare di non aver tempo da dedicargli e provarci ma non riuscire a concludere nulla. Ho voluto così stroncare ogni cosa. Me ne pento ancora oggi, ma ricordo perfettamente la difficoltà. Difficoltà con cui sto combattendo ancora.

scrapbook mini album f by kushi | www.kkushi.com

Un bel giorno ho deciso di smetterla e riprendere, anche se di cattivo umore, anche se non riuscivo con i tempi. Non ho fatto quasi in tempo a pensarlo, che improvvisamente è morto mio padre. Tutto il periodaccio precedente era nulla a confronto... ho subito provato lo stesso a riprendere, per reagire. E' durato forse un mese ed ho dovuto smettere di nuovo. Non ho mai scritto pubblicamente cosa fosse successo, non sono il tipo che riesce a parlare di qualcosa quando è un dolore forte. Non riesco a parlarne neanche adesso, infatti lo confondo tra le righe che leggerà chi avrà passato i dieci secondi, chi vuol vedere dove voglio andare a parare.
Lo scrap come lo concepisco io è così legato all'intimo, anche se non tutte le mie pagine parlino di chissà quali argomenti profondi... ripeto, è il legame che ho con il mio processo creativo, con quel che faccio. Realizzare un layout è un processo molto lungo, che non inizia quando mi metto alla scrivania. Parte guardando mille foto e scegliendone una che in quel momento mi ispira e prosegue chiedendomi cosa voglio dire con quella foto. Non faccio altro, chiedermi sempre cosa voglio comunicare a me stessa, anche a distanza di anni. Quando ho chiaro almeno il senso (non devo avere per forza già pronto un journaling) inizio. Inizio con un'idea da provare, un esperimento con qualche materiale. Non termino mai senza prima aver scritto però il journaling. In un libro di anni fa, Ali Edwards consiglia di non dire mai "il journaling poi lo aggiungo" perché non avverrà... ed è vero.
E mentre scrivo, racconto a me e a chi capiterà di leggere le mie parole. E sto meglio, mi libero del peso dei pensieri. Sto amando lo scrappin'planner proprio per questo. Nel formato del planner posso inserire buste in cui raccontare anche eventi meno piacevoli che in un layout è difficile fare, cose che non hanno foto, pensieri molto più immediati. Posso anche scriverli apertamente nelle pagine ovviamente. Basta solo non fotografarle poi, se voglio tenerle solo per me ;)
La domanda "voi scrappate anche ciò che vi fa stare male? Raccontate le storie "tristi"?" è sempre stata fatta, è inevitabile arrivare a questo dubbio prima o poi. Io ho sempre risposto di no. Non scrappo il fatto di per sé, al massimo posso parlare di un aspetto di me stessa riguardo a quella difficoltà, il modo in cui ho affrontato il problema. Cerco sempre di portare il racconto sulla positività. Perché lo scrapbooking è la mia isola felice e voglio guardare con positività quello che racconto. Non sempre sono riuscita però... da qui il blocco. Ed è questo il mio impegno per il futuro.

scrapbook mini album f by kushi | www.kkushi.com

Qualche mese fa mi è stato chiesto quanto tempo io dedichi allo scrap. Non ho saputo rispondere all'istante. Ricordo solo che ho fatto una faccia tra lo stupito e l'ovvio nel dire "tutto il mio tempo", è la mia vita. Non ricordo se ho detto anche la seconda parte, però ricordo un vago senso di vergogna eheh Ma è vero. Vorrei riuscire a trovare il modo un po' più "leggero" di usare lo scrapbooking anche nei momenti difficili (ho una certa tendenza alla pesantezza purtroppo...). Vorrei anche non permettere agli eventi di cambiarmi. Magari è solo lì il segreto. Ci sto provando, so superare le difficoltà... il resto verrà da sé.

Lo scrap è per me la felicità, qualcosa in cui riesco, qualcosa di cui non posso far a meno, che mi fa brillare gli occhi, che mi entusiasma... ed ora che ho ripreso, ormai da più di un anno, non ho alcuna intenzione di smettere di nuovo, nonostante tutto. E' una promessa che faccio a me stessa...

E cosa significa per me... a parte gli occhi che brillano mentre mi dedico a creare qualcosa (forse basterebbe anche solo questo, no?), mi aiuta a parlarmi ed aiuta la mia memoria corta! Credo poi che stia tutto qui il motivo per cui mi trovo più a mio agio a fare layout o mini album e non card ad esempio oppure home decor. Ci sono sempre eccezioni anche in questo caso, se si ha un destinatario o si fa una card generica... Oppure nel caso dei mini album mi piace farli se sono destinati ad una persona speciale. Per me invece non riesco a farli ehehhe. Unica eccezione è questo mini di cui ho posato solo poche foto rappresentative... è del 2011 e sono davvero contenta di averlo fatto. Parla dei miei aneddoti da bambina. Non l'ho mai pubblicato prima, perché si trova nel terzo numero di Scrappinize Magazine (pagina 39), non so se qualcuna ricorda questa rivista, ennesima mia avventura con Rosy!

Ma ora basta così, ho farneticato a sufficienza. Questo è stato il post più difficile da scrivere che mi sia mai capitato! Prossimo appuntamento con le chiacchiere, sicuramente più semplice... il mio nuovo manifesto scrap!

giovedì 16 marzo 2017

scrapbook layout | happy

Altro layout, ancora bianco ma con dei colori meno frequenti per me: blu e giallo. Già nel mini album per Lorenzo avevo amato questo abbinamento ed ora l'ho riproposto con l'aggiunta dell'oro. 

scrapbook layout "happy" by kushi | www.kkushi.com

Quando qualche giorno fa ho stampato qualche foto da scrappare, ho scelto sia queste due che vedete, ma con l'intento di scrapparle poi in seguito, sia altre 4 per cui avevo già in mente un'idea. L'idea però prevedeva un esperimento, che nella realizzazione non mi convinceva più di tanto, si tratta sempre di embossing e glitter, strane idee che ho in testa io... Così, passato un po' di tempo e provate un paio di cose... mentre speravo in un'ispirazione miracolosa su Pinterest, ho trovato proprio questo pin che mi ha fatto decidere! Blu, giallo... ed oro! Ho tolto tutto dalla scrivania e preso queste foto inizialmente scartate (ma che adoro sia chiaro, non avevo ancora pensato a come sfruttarle al meglio) ed ho realizzato la pagina senza grosse difficoltà!

scrapbook layout "happy" by kushi | www.kkushi.com

Per iniziare ho spennellato il Versamark per embossare su una buona porzione della pagina. Ho usato poi la polvere da embossing della Nuvo, presa da Clelia. In questo post vi avevo detto che cercavo una polvere da embossing oro che però lasciasse la superficie irregolare e che prevedesse anche dei brillantini: questa della Nuvo è perfetta. Non è lo stesso risultato dello Stickles che vedete sulla mollettina di legno ma ne sono pienamente soddisfatta. E' quello che cercavo.

scrapbook layout "happy" by kushi | www.kkushi.com

Nella porzione inferiore, non volevo un effetto completamente pieno, ho perciò tolto con un pennellino piccolo alcune porzioni di polvere. L'errore era stato mio a monte: ho passato il Versamark in maniera troppo abbondante, avrei invece voluto delle pennellate che lasciassero più visibile la trama del Bazzill. Quando si lavora con cose trasparenti non si capisce mai se si sta facendo la cosa giusta... o almeno io faccio spesso pasticci!
Il risultato che ho ottenuto mi piace comunque molto!

scrapbook layout "happy" by kushi | www.kkushi.com

Ho aggiungo a questo punto le foto ed ho iniziato a cercare tutto quello che avevo di blu e giallo. Per il giallo non ho problemi, mentre il blu è più difficile da trovare nelle mie scorte... non l'ho mai amato granché, anche se mi sto ricredendo. Per fortuna ho trovato cose interessanti nelle ultime collezioni di Crate Paper e SimpleStories (la linea Posh ha molto blu). Ho mantenuto un'impostazione verticale, senza staccarmi dal blocco principale e senza andare sui bordi della pagina. Dato il fondo così ricco, non ho voluto appesantire ulteriormente la pagina.

scrapbook layout "happy" by kushi | www.kkushi.com

Per il titolo ho usato una parola in acrilico di BellaBLVD ed ho continuato poi la frase su un journaling spot tagliato a metà. Da principio ne avevo scelto uno giallo stupendo, su cui ho stampato con dei timbri alfabeto di Tiger (li nomino spesso). Però il testo era troppo grande ed il risultato non mi piaceva. Nell'esatto istante in cui ho finito di timbrare mi è venuto in mente che la macchina da scrivere ha una dimensione più piccola e che sarebbe stata perfetta... Ho dovuto perciò scegliere un altro journaling spot, blu. La scritta è perfetta e nell'equilibrio di colori che ho cercato di mantenere va benone.

scrapbook layout "happy" by kushi | www.kkushi.com

Ho cercato come dicevo prima di mantenere un equilibrio più o meno uguale tra giallo e blu, evitando di aggiungere troppe cose in oro, dato lo sfondo abbondante! Quindi chipboard, stickers, bottoni in legno, enamel dots, pochissimi timbri ed un fiore ritagliato con la Cameo su vellum completano il layout. Per una delle foto ho usato adesivo spessorato, per l'altra una mattatura con patterned gialla.

Mi piace molto e sono contenta di questo esperimento sia di embossing che di colori! Ed adoro Lorenzo in queste foto ;)
Alla prossima!

venerdì 10 marzo 2017

scrapbook layout | gift

Eccomi qui con il layout "impegnativo" di cui parlavo nel post precedente!

scrapbook layout "gift" by kushi | www.kkushi.com

Si capisce subito il perché della difficoltà. Quando si ha una foto o un soggetto che ci fa brillare gli occhi, arriva subito il desiderio di stampare la foto in grande. O forse capita solo a me? Il fatto è che, scattata questa foto ai miei fiori preferiti, ho portato subito a far stampare un ingrandimento per il mio scrappin'planner... è perfetta! Ma non mi bastava... volevo farci anche una pagina e perché non provare la stampa direttamente su Bazzill bianco? L'effetto canvas valorizza ancora di più la foto. Il problema è stato poi gestire la pagina e gli spessori, perché se la foto principale è sul fondo, tutto il resto deve dare spessore. Vari impegni non mi hanno permesso di lavorarci subito, ma finalmente sono riuscita a completarla.

scrapbook layout "gift" by kushi | www.kkushi.com

La prima cosa a cui ho lavorato, dopo la stampa su Bazzill, è stato il titolo. Ho fatto qualche prova con una brush pen nera e, una volta trovata la scritta che mi piaceva di più, l'ho digitalizzata e trasformata in un file di taglio per la Silhouette Cameo. Non avevo Bazzill rosa, ho perciò optato per una patterned, ma ho voluto smorzare un po' il colore tagliando la scritta anche con il vellum, sovrapposto poi parzialmente. Per fermare il vellum, l'ho spillato alla scritta sottostante e sulla graffetta ho messo un bottone di legno. Non mi piaceva si vedesse :p

scrapbook layout "gift" by kushi | www.kkushi.com

Il resto del titolo è semplicemente timbrato con dei timbri alfabeto di Tiger. Questi timbri sono la versione piccola di quelli della Prima che si vedono ultimamente spesso in giro. Hanno una basetta in cui inserire le lettere in gomma. Stampano benissimo e le lettere sono della giusta dimensione. C'è anche una seconda base, circolare. Sono comodissimi!

scrapbook layout "gift" by kushi | www.kkushi.com

Sotto al titolo c'è una cornice chipboard della Crate Paper in cui ho inserito un ritaglio di carta con su il journaling scritto a macchina da scrivere. Pochissime parole, perché tanto avrò anche la parte dedicata sul mio planner.

scrapbook layout "gift" by kushi | www.kkushi.com

Ho stampato nuovamente la foto con la Selphy in un formato molto piccolo. L'ho fissata con dell'adesivo spessorato. Sul fondo ho timbrato dei fiori stilizzati, che ho trovato perfetti, della MyFavoriteThings con tamponi HeroArts, il tutto comprato da Clelia. Un minuscolo pezzetto di washi, enamel dots (quello rosso fragola realizzato con il flaconcino della Nuvo, venuto perfetto! Anche questo scoperto grazie a Clelia), bottoncino in legno,timbrate e stickers.

scrapbook layout "gift" by kushi | www.kkushi.com

Ho preso questi enamel dots triangolari da ScrapItEasy, li ho adorati appena visti, bei colori, consistenza e la forma triangolare non mi dispiace affatto. Ho visto altri enamel dots in giro con varie forme ma nessuno mi ha convinto più di tanto... Questi sono della collezione Hazelwood di AmericanCrafts.

scrapbook layout "gift" by kushi | www.kkushi.com

Sul fondo uno sticker in foil rose gold, PinkPaislee. Lungo il lato destro un ritaglio di patterned paper. Amo spesso usare su un bordo intero una striscia di patterned, soprattutto quando è in contrasto con il resto della pagina "vuoto".

scrapbook layout "gift" by kushi | www.kkushi.com

In alto una chipboard con un foro che mi ha ispirato l'uso del twine, trovato per caso sulla scrivania ed utilizzato in tutta la sua lunghezza. Per finire una paper clip a forma di foglia.

Posso dire che adoro adoro adoro adoro questa pagina o è brutto? :p
Il caso poi ha voluto che chiacchierando con Cristina, sia uscito l'argomento del layout su cui stavamo lavorando ed entrambe eravamo alle prese con una foto su Bazzill!!! Non è un caso se la adoro come scrapper, guardate la sua pagina qui. Uno spettacolo! E' sempre simpatico ritrovarsi in altre persone, condividere scelte e gusti e parlare di scrap!

Alla prossima!

martedì 7 marzo 2017

weekend di brush lettering per scrapper nel negozio della mamma di Cle

Ho fatto passare un bel po' di tempo, sono già quasi due settimane, ma ci tenevo a raccontare su questo blog del bellissimo fine settimana trascorso a Rivoli, nel negozio della mamma di Cle. Sarà che in questi giorni ho visto tante foto del meeting nazionale, che mi hanno fatto ricordare l'atmosfera da meeting scrap, che confesso mi è mancata non poco in questi anni e che quel weekend da Clelia mi ha ricordato. Vedere di persona chi si segue tramite blog o Facebook da tanto tempo, incontrare scrapper che si stimano, conoscere persone speciali che ti riempiono il cuore è uno dei tanti lati positivi dello scrapbooking.

il negozio della mamma di Cle weekend di brush lettering | www.kkushi.com

Ho ringraziato Clelia, per tanti motivi, e continuo a farlo. Vorrei dire che è stata una sorpresa con la sua gentilezza, professionalità e cuore, ma in realtà già dal web secondo me tutto ciò traspare senza ombra di dubbio. E' stata quindi una piacevole conferma dell'opinione che avevo di lei. Sia sua mamma, donna fantastica, che Clelia mi hanno fatto sentire a casa, in un contesto un po' fuori dal mio solito. Non viaggio spesso da sola ultimamente, Lorenzo mi ha abituato troppo bene, si occupa lui di tutto, soprattutto del cibo ahaha ha una dote innata nel trovare i posti migliori in cui mangiare. Ma Clelia lo ha sostituito egregiamente, ricordandomi di bere e assicurandosi di farmi mangiare xD
Un ringraziamento speciale a tutte le ragazze che hanno partecipato al corso. Sono state tutte assolutamente interessate e pronte ad imparare. E' stato bellissimo vedere il loro entusiasmo quando hanno iniziato a vedere i primi risultati e l'impazienza di voler scrivere e scrivere! Io, lo avrò detto mille volte, sono una scrapper ed il brush lettering è un campo assolutamente nuovo per me, ma ho cercato di fare del mio meglio, ho portato la mia esperienza da scrapper e le pagine create da me per mostrare le applicazioni che finora ho sperimentato, il mio pensiero... ciò che trovo possa tornare utile ad una scrapper, ecco. Ho portato i miei migliori consigli, anche a chi vorrà poi addentrarsi in questo mondo a prescindere dallo scrap. Mi sembra siano rimaste tutte contente o almeno lo spero!
Mi sono stupita del fatto di esser rientrata perfettamente nei tempi che mi ero immaginata, senza aver fatto neanche una prova! E, chi mi conosce capirà, aver parlato per ore ed ore per tre giorni di fila! Pensavo che tornata a casa sarei caduta nel silenzio totale, per recuperare, ahahah
E' stata un'esperienza davvero bella e devo ringraziare come sempre lo scrap, ma soprattutto le persone che credono in me. E' una vera fortuna trovarne sulla propria strada e con il tempo non ho mai dimenticato neanche una di queste.

il negozio della mamma di Cle weekend di brush lettering | www.kkushi.com

Sono felicissima di aver incontrato e conosciuto finalmente Cristina e Tania. E' capitato assolutamente per caso, ma parlando di scrap con Cristina è venuto fuori che abbiamo un'idea ed una visione dello scrap molto simili e finalmente i miei strani discorsi di gestione degli spazi e regole nell'impostazione di un layout hanno trovato un senso! xD

il negozio della mamma di Cle weekend di brush lettering | www.kkushi.com

Grazie a Tania per le parole gentilissime nei miei confronti. Michela, ci è sembrato di esserci già conosciute da tanto che ci leggiamo sul web! Cristina Tuzzi, che mi è stata sempre di supporto, spero non si offendano le altre, ma è stata l'allieva più diligente avendo finito anche il progettino! Francesca, per esser venuta da Milano e le parole gentili. Glenda, conosciuta davvero dopo tantissimi anni. Erika, infinite grazie anche a te e sai perché.

il negozio della mamma di Cle weekend di brush lettering | www.kkushi.com

Silvia e tutto il gruppo del venerdì sera che ha fatto da "cavia" ed ha rotto il ghiaccio, portandosi via anche bellissime perle di saggezza e rivelazioni sconvolgenti ahahah Scusatemi se non nomino tutte, ma per ognuna di voi c'è un immenso grazie!

E scusate la mielosità, ma oggi va così... Unico rimpianto? Aver aspettato la fine dei corsi per gironzolare per bene nel negozio... quando ormai ero così stanca da non riuscire neanche a ragionare sugli acquisti ahahahah ma ho comprato e pian piano provo tutto!

Alla prossima, con un layout "difficile" xD era lì in attesa da settimane, ma finalmente l'ho portato a termine!